sabato 26 novembre 2016

BEST GUNPLA OF THE WEEK : BGOTW N° 261

MODEL NAME: MG 1/100 SAZABI VER. KA  " SOTHEBY "
MODELED BY: motopura



Tutti i diritti delle foto, cosi come la proprietà intellettuale delle opere proposte in questa rubrica, sono dei rispettivi proprietari ed hanno il 
solo scopo di promuovere il lavoro svolto dai gunpla maister di tutto il mondo.



Buongiorno GD FELLOW,  la scelta del BGOTW di oggi è stata non facile, facilissima... Nonché imposta dal buon Lemcat a dirla tutta, io ero pronto con un carinissimo scimpanzé, ma il caro Harambe, che ci guarda da lassù, ci perdonerà per avergli fatto cedere il posto al fresco vincitore del contest più talentuoso di tutto il Giappone, per quanto riguarda i gunpla ovviamente, non siamo mica qui a parlare di sushi...

Eccovi quindi una copiosa carrellata di foto del MG 1/100 SAZABI VER KA SOTHEBY VINCITORE dell'edizione 2016 del contest ORAZAKU.

Imparate gente, che di plasticard ne dobbiamo tagliare ancora a palate prima di arrivare a questi livelli...

Buon fine settimana...
TOKY80


... CLICCATE copiosamente per la GALLERY ...

sabato 19 novembre 2016

BEST GUNPLA OF THE WEEK : BGOTW N° 260

MODEL NAME: GBS 1/60 RX78-GP02 PHISALYS
MODELED BY: Dx咒缚者



Tutti i diritti delle foto, cosi come la proprietà intellettuale delle opere proposte in questa rubrica, sono dei rispettivi proprietari ed hanno il 
solo scopo di promuovere il lavoro svolto dai gunpla maister di tutto il mondo.



Buongiorno GD FELLOW,  e siamo arrivati all'appuntamento numero duecentosessanta, che scritto in lettere pare ancora più grande! 

Grande come il modello che vi presento oggi, che non è un prodotto BANDAI ma della G-SYSTEM, famosa per i suoi prodotti in resina realizzati con un altissimo livello di dettaglio e, molto spesso, dalle dimensioni esagerate!

Ed è proprio il caso di questo RX78-GP02 PHISALYS in scala 1/60 ! 

Guardano questo modello non posso fare altro che farmi una domanda, ma con un modello cosi grosso, quante cose possono andare storte in fase di lavorazione ?...  Il solo fatto di portare a compimento un lavoro del genere è degno di nota, se poi lo si realizza anche in questa maniera, siamo proprio di fronte ad un perfetto MASTER PICES! 

Tutte le foto dopo il salto di pagina "as usually", buon fine settimana e alla prossima.
TOKY80


..... CLICCATE FORTE PER IL SALTO DI PAGINA....

sabato 12 novembre 2016

BEST GUNPLA OF THE WEEK : BGOTW N° 259

MODEL NAME: MG/100 STORMBRINGER DIORAMA
MODELED BY: DOMENICO FEBBO



Tutti i diritti delle foto, cosi come la proprietà intellettuale delle opere proposte in questa rubrica, sono dei rispettivi proprietari ed hanno il 
solo scopo di promuovere il lavoro svolto dai gunpla maister di tutto il mondo.



Buongiorno GD FELLOW,  con il modello di oggi chiudiamo la parentesi di Lucca 2016 e la chiudiamo con quello che ha detta di molti è il diorama più scenico di tutto l'evento.

Grazie al ca@# e al sempre disponibile #team nu type, oggi possiamo ammirare l'opera di Domenico Febbo,  un diorama rappresentante la squadriglia stormbringer, composta da 2 kit 1/100 del MG  Strike Noir, modificati all'inverosimile e resi ancor più "cazzuti" da una colorazione dark, una quantità di armi che'manco piong hyang e degli occhi illuminati di blu come la paura che incutono... Ecco come avete capito non è che sono stato molto bravo a descrivervi il modello quindi meglio lasciare la parola all'autore...


"L'idea parte da lontano, tempo fa, ascoltando la canzone dei deep purple "Stormbringer" ho pensato di voler usare il titolo per uno dei miei lavori.

Per una volta avevo trovato già un nome ma non il modello cui darlo.

Mi ricordai che in stargazer, side story di gundam seed destiny, lo strike noir attaccava dei mobile suit nemici durante una bufera di neve (almeno credo fosse così), piombando su di loro dall'alto. Tanto è bastato per far sì che lo strike noir sarebbe diventato lo Stormbringer.

La scelta del modello creava però una piccola difficoltà, data dal fatto che Il design del master grade in commercio è un po' datato. Ho pensato quindi di unire il kit del noir a quello dello strike rm, molto più recente e dettagliato.

Per le modifiche di base ho preso come riferimento un conversion set in resina di alcuni anni fa, ripreso successivamente dalla dragon momoko per il suo plastic kit.

Nella mia idea lo Stormbringer doveva essere qualcosa di più aggressivo e che avesse un forte richiamo all'aviazione, non solo un aggiornamento dello strike noir.

Da qui pensai di integrare i due backpack dei modelli e creare un noir striker che ricordasse quanto più possibile un aereo, aggiungendo anche i carichi sub alari.
Per le modifiche ho fatto ricorso anche al plotter silhouette del mio compagno di squadra Diego( mario! ndr), che ha permesso di replicare fino 4 volte (poi diventate 😎 alcuni dettagli del modello.

Come capita spesso, l'idea base si è evoluta nel corso dello sviluppo del progetto, fino a che, traendo ispirazione dall'anime metal armor dragonar, ho pensato di trasformare lo Stormbringer da modello singolo, mk II dello strike noir, in una squadra, affiancando al primo modello una seconda unità corazzata. Se il primo modello doveva ricordare un caccia multiruolo, il secondo doveva essere un bombardiere. Quindi entra in scena l'unità 02 Stormbringer full armor/full weapons.
(A questi doveva poi aggiungersi una terzo per la guerra elettronica e un velivolo radar per il controllo aereo delle operazioni, modelli che conto di fare nel breve termine).

Per quanto riguarda invece il procedimento di realizzazione, l'iter seguito per entrambi i modelli è stato identico: kitbask, modifiche strutturali, dettagli aggiuntivi, pannellature e dopo lunghe sessioni di stuccatura e raccordo dei vari elementi, primer.

Dopo aver realizzato dei supporti per sostenere i modelli, ho inserito i perni per bloccarli in posa.
A questo ha fatto seguito la fase della colorazione. Considerato che tutto il lavoro è stato un esperimento di tecniche per me quasi totalmente nuove (kitbash e modding), ho pensato di fare un ulteriore passo, inserendo anche una novità nella pittura: una leggera modulazione del colore. Dopo le decal e il paneling, sono passato al l'invecchiamento, applicando il chipping a pennello e poi un filtro grigio/blu per raffreddare i colori.

Per le superfici alari ho cercato di replicare il weathering degli aerei con striature di olio, chiaramente visibili sui flaps.

Il lavoro è stato completato e impreziosito dalla basetta, progettata insieme al mio grande amico Fabio Angelini, realizzata su alluminio spazzolato dove è stato stampato il logo dell'unità Stormbringer, creato ad hoc per dare del background al progetto. Gli stand dei modelli sono stati invece applicati su una tavoletta in laminato su cui è stata stampata una foto dello spazio."


Intanto vi anticipo che per la demo romana sul plotter, programmata per il 22 di questo mese, avremo l'onore di veder nascere la terza unità stormbringer, quindi non perdetevi la diretta, e se siete nei paraggi cercate di venire presto che i posti sono limitati...

Buon fine settimana e alla prossima.
TOKY80

..... CLICCATE PER IL SALTO DI PAGINA....

sabato 5 novembre 2016

BEST GUNPLA OF THE WEEK : BGOTW N° 258

MODEL NAME:  HGUC/144 mobile worker REWORK  --- LIEBHERR XR 400 T-BOT ---
MODELED BY: Emiliano Martinelli



Tutti i diritti delle foto, cosi come la proprietà intellettuale delle opere proposte in questa rubrica, sono dei rispettivi proprietari ed hanno il 
solo scopo di promuovere il lavoro svolto dai gunpla maister di tutto il mondo.



Buongiorno GD FELLOW, si sono appena spenti i riflettori su Lucca Comics & Games 2016, la stanchezza è ancora tanta ma i bei ricordi, le nuove amicizie e il bagaglio di esperienze che ho accumulato in questi tre giorni sono la panacea per ogni male...

Come molti di voi, anche io voglio rivolgere i miei ringraziamenti a  tutto lo staff di NKGC che ci ha accolto tra le sue fila in maniera magistrale, cortesi, attenti, professionali e disponibili, questi sono solo alcuni degli aggettivi che mi vengono in mente pensando a loro, grazie in special modo al chairman DOMENICO FEBBO e a tutti i ragazzi presenti in sala..

Come non ringraziare poi IFAN SBREVO, per la sua grande professionalità e pazienza ( sto ancora aspettando che mi tiri una sedia dietro, dopo tutte le domande che gli ho rivolto durante la sua conferenza) e FRANSISKA FORTUNATA, una piacevole e sorprendente mente acuta!

Ultimo ringraziamento va a quel Punkabbestia di FABIO ANGELINI che ha rivoltato il concetto di comunity trasformando la kermesse lucchese in una comunità nel senso più trash del termine.... No scherzo, Fabio si è rivelato fondamentale per tutti noi, la sua esperienza professionale messa al servizio dell'evento è stato il salto di qualità che tanti aspettavano e che molti non avranno mai!

Ma ora basta parlare di noi veniamo al BGOTW di oggi, che è comunque legato al contest di Lucca, infatti il modello di oggi è il pluripremiato rework di EMILIANO MARTINELLI che con il suo LIEBHERR XR 400 T-BOT si è guadagnato i premi di BEST WEATERING, BEST DI CATEGORIA, BEST OF SHOW e per finire pure un ORO. 

Data la sua disponibilità mi sono fatto lasciare da Emiliano un suo commento su come ha proceduto per realizzare la sua opera, quindi lascio la parola a lui...


La base del kit è il mobile worker di Origin, al quale ho apportato diverse modifiche, riguardanti l’abitacolo, le cosce, i piedi e il busto. La benna è stata autocostruita in plasticard, mentre la tenaglia è stata modificata.
In corso d’opera è stata sostituita anche la testa, ricavata dall'avambraccio di un altro kit , l’ho poi modificata per adattarla al meglio.
Il silos è stato ottenuto termo formando del plasticard su un cilindro sagomato, ho poi raccordato il tutto con pezzi derivanti dal modellismo militare e stucco bi-componente.
Per realizzare la base ho usato del polistirolo per dare le prime forme ed ingombri, al quale ho incollato di tutto; blister di medicinali, nastro alluminio, pezzi di plastica recuperati qua e la, fotoincisioni con i relativi telai, cavi in rame ed ottone, profilati Evergreen…insomma davvero di tutto.
Il mecha è stato colorato utilizzando la tecnica della lacca, così come  la benna ed il silos stretto tra la tenaglia. La base invece è stata dipinta prima di nero, poi di bianco spruzzato dall'alto a simulare un minimo di luce zenitale, ho applicato poi diversi toni color ruggine e vari colori su alcuni componenti. Sia il modello che la base sono stati invecchiati con colori ad olio e prodotti Ak.

Per questa settimana è tutto, grazie come sempre a tutti voi che leggete i miei vaneggiamenti, ci vediamo la prossima settimana...

PS
Emiliano, la prossima volta che ci vediamo la birra la offro io !

TOKY80